Alunno al computer

Wi-Fi Pericoloso? M5S Propone lo Stop nelle Scuole


Ci sono ancora dei dubbi se il wi-fi, e quindi le onde radio, possano nuocere alla nostra salute, soprattutto dei bambini, che a differenza degli adulti hanno la scatola cranica più sottile. Non ci sono degli studi che hanno confermato, senza ombra di dubbio, che il wi-fi sia dannoso e pericoloso, ma finché non si sa con certezza, forse la soluzione migliore è quella di evitare ai bambini l’esposizione a queste onde.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, Norberto Vaccari, capogruppo del Movimento Cinque stelle, ha presentato a Reggio Emilia una mozione per eliminare l’utilizzo del wi-fi nelle scuole.

Noi proponiamo un uso consapevole di internet, ma questo in alcuni ambienti può avvenire anche via cavo e non con il wi-fi, che provoca inquinamento da onde radio. A differenza degli adulti, le cellule dei bambini sono in fase di sviluppo e quindi maggiormente sottoposte alle possibili influenze dei campi elettromagnetici.

La pericolosità delle onde elettromagnetiche dei sistemi wi-fi è ancora da verificare, ma nel caso dei cellulari la pericolosità è stata provata (i cellulari, c’è da dirlo, si tengono attaccati alla testa).
A sollevare la stessa obiezione del M5S è stata anche la deputata del Pd Antonella Incerti:

I progetti connessi all’estensione del wi-fi nelle scuole ci sono e non possono essere fermati. Poco importa se esiste un ragionevole e argomentatodubbio che questo possa provocare danni alla salute dei nostri figli. In altri paesi gli amministratori pubblici si sono assunti la responsabilità di fermare l’installazione di impianti wi-fi in scuole e luoghi pubblici, ma a Reggio Emilia la discussione è stata stroncata dalla solita sicurezza del Pd, che non ammette inciampi nel percorso che ha definito.

Nel dubbio, sarebbe davvero troppo sperare in connessioni internet cablate, almeno nelle scuole, come raccomandato dal Consiglio d’Europa?

Alunno al computer

Alunno al computer

Foto tratta dalla rete
Fonte: Il Fatto Quotidiano

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *