LGBT

Studenti LGBT: Coming Out nel Periodo Scolastico Fa Bene alla Mente


I gay e le lesbiche che fanno coming out durante il periodo scolastico saranno meno soggetti a depressione o ad altri disturbi psichiatrici quando saranno adulti.

Lo ha confermato uno studio condotto dai ricercatori della University of Arizona, guidati da Stephen Russell, pubblicato sulla rivista Journal of Orthopsychiatry. La ricerca è stata svolta analizzando i dati raccolti dal Family Acceptance Project, una iniziativa di ricerca, intervento, istruzione e politica istituita con la San Francisco State University per promuovere il benessere delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) bambini e adolescenti.

Il Family Acceptance Project ha intervistato qualche centinaio di omosessuali tra i 21 e i 25 anni, a cui – tra le altre cose – è stato chiesto se sono stati vittime di bullismo, quando andavano a scuola a causa del loro orientamento sessuale. È venuto fuori che gli omosessuali, sia dichiarati che non, erano spesso vittime di bullismo, ma la grande differenza era che le persone che facevano coming out nel periodo scolastico, e che quindi non nascondevano la propria omosessualità, erano molto meno soggetti a depressioni, dipendenze da droga ecc. da adulti.

Sappiamo da nostri altri studi che per gli adolescenti LGBT mantenere la loro identità segreta è associato con la depressione, comportamenti suicidi, l’uso di droghe illegali e di rischio per l’HIV. E aiutarli a conoscere e divulgare la loro identità LGBT ad altri aiuta a proteggere contro il rischio e contribuisce a promuovere l’autostima e la salute generale.

Il ricercatore che ha guidato lo studio, Stephen Russell ha dichiarato che i risultati dello studio saranno importanti per educare i genitori e i dirigenti scolastici su come fornire il miglior supporto per gli studenti LGBT: questo non potrà che portare benefici alla salute mentale degli studenti omosessuali e, in generale, a un passo avanti per la nostra ancora retrograda società.

Foto tratta dalla rete
Fonte: medicalnewstoday

LGBT

LGBT

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *