Incinta

Il Selenio Aumenta la Fertilità, Ma Occhio alle Dosi


Se state cercando di avere un figlio è bene preparare l’organismo: come? Con una corretta alimentazione, che preveda anche l’assunzione di selenio.

Il selenio è un minerale che è stato collegato, da diversi studi, alla fertilità, ed è una scoperta recente che possa anche curare alcuni tipi di cancro. Da questo si potrebbe pensare che più ne assumiamo e meglio è, ma purtroppo – come per tutte le cose – gli eccessi sono nocivi anche per quanto riguarda il selenio.
Il dottor Mark Moyad ha spiegato al portale americano Women’s Health che bisogna assumere selenio, ma anche andarci cauti:

Troppo selenio (200 microgrammi al giorno) è stato associato ad un aumento del rischio di diabete di tipo 2, cancro maligno alla prostata, e cancro della pelle, e senza alcun beneficio per la salute del cuore. Il selenio è un meraviglioso minerale ma può essere dannoso assumerne in eccesso o troppo poco.

La giusta dose di selenio, quindi, ci aiuta a prevenire il cancro e, tornando all’argomento del nostro articolo, ad aumentare la fertilità.

La maggior parte delle persone sono in grado di soddisfare il loro apporto medio consigliato di selenio attraverso la dieta; se siete, invece, tra quelli che non assumono selenio attraverso il cibo, potete ricorrere a questi alimenti, segnalati dal National Institutes of Health, Office of Dietary Supplements:

Noci brasiliane: contengono 544 microgrammi (mcg) per oncia (da sei a otto noci);
Pesce: il tonno contiene 95 mcg per porzione, le sardine 45 mcg e i gamberetti 40 mcg;
Carne: la carne ha un giusto apporto di selenio, e va preferita quella di maiale, manzo, e pollame, scegliendo sempre carne da allevamento naturale;
Fiocchi di latte: questo prodotto caseario contiene 20 mcg di selenio per porzione;
Cereali: Riso, avena, e fiocchi di mais contengono selenio, ma con i cereali non bisogna esagerare.
Arsenico nei Cereali: Il Riso Integrale è il più Pericoloso

Foto tratta dalla rete
Fonte: Women’s Health

Incinta

donna incinta

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *