merendine

Olio di Palma: Un Danno per la Nostra Salute?


Le persone che sono abituate a leggere le etichette degli ingredienti, prima di comprare un prodotto (e fanno bene!) hanno di certo incontrato tante volte la scritta “oli e grassi vegetali”, oppure “olio di palma”.

Queste sono diciture che ci dovrebbero far preoccupare, perché purtroppo l’olio di palma non è molto sano, per l’elevata concentrazione di grassi saturi: secondo i nutrizionisti, assumere tutti i giorni alimenti contenenti olio di palma può provocare danni al nostro organismo.

Il che non sarebbe un problema grave se l’olio di palma fosse contenuto solo in alcuni prodotti: e invece la quantità di cibi trasformati che lo contengono è oltremodo impressionante. Pensate, tra l’altro, che quasi sempre – quando troviamo la dicitura “oli e grassi vegetali” – si tratta proprio di olio di palma. La furbizia delle aziende sta proprio nel nascondere questo ingrediente con tale scritta. Parlavamo della quantità elevatissima di prodotti trasformati che sono fatti con questo tipo di olio: la quasi totalità delle fette biscottate, le merendine confezionate, le torte industriali, i biscotti, le barrette di muesli e cereali, gli snack sia dolci che salati, le creme… E una infinità di altri prodotti.

Perché può essere dannoso, se consumato tutti i giorni? Perché presenta una elevata quantità di grassi saturi, che possono andare a incidere sul sistema cardiovascolare.

Tra l’altro questo tipo di olio non rispetta l’ambiente: è la causa primaria della deforestazione delle aree boschive ed è anche legata, come specificato su Il Fatto Alimentare, “alla rapina delle terre e alla deportazione di milioni di famiglie africane e asiatiche”.

Su Change.org è stata persino avviata una petizione per chiedere al Ministero della Salute, al Ministero delle politiche agricole e alle varie aziende produttrici di impedire l’utilizzo di olio di palma e la distribuzione di prodotti che lo contengono. Per chi volesse firmarla, la trova qui.

merendine

merendine

Foto tratta dalla rete

Condividi su Google Plus

2 Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *