rumore

L’Ipersensibilità al Rumore è Connessa alla Creatività


Cosa hanno avuto in comune Franz Kafka, Charles Darwin, Anton Cechov, Giacomo Leopardi e Marcel Proust, oltre al genio? L’ipersensibilità al rumore.
Ebbene sì, perché stando a uno studio della Northwestern University di Evanston, negli Stati Uniti, l’ipersensibilità al rumore, e quindi l’incapacità di astrarsi dai suoni provenienti dall’ambiente esterno, sembra essere collegata a una grande creatività, e in alcuni casi addirittura al genio.

Lo studio, pubblicato sulla rivista specializzata Neuropsychologia, ha svolto dei test su un gruppo di volontari composto da 100 persone.

I volontari sono stati sottoposti a un Creative Achievement Questionnaire (un questionario per testare il loro livello di creatività), e poi hanno eseguito un test di pensiero divergente. Ai partecipanti è stato chiesto di fornire il maggior numero di risposte che potevano dare a diversi scenari improbabili, entro un periodo di tempo limitato. Tutto questo mentre in sottofondo c’erano suoni fastidiosi e/o un rumore assordante.

Ebbene, alla fine del test, analizzando i risultati, è stato provato che alcune persone che non sopportavano il rumore e non riuscivano a isolarsi da esso, avevano trovato delle risposte molto più creative rispetto a coloro che non erano infastidite dai suoni esterni.

Da cosa potrebbe dipendere il maggiore livello di creatività di certe persone? La ragione potrebbe dipendere dalla dote di concentrarsi contemporaneamente su un’ampia gamma di stimoli. Una capacità innata, naturalmente, che non si può acquisire nel tempo.
I ricercatori hanno detto, a tal proposito: “Questa attitudine naturale, se viene incanalata nella direzione giusta, può rendere la vita più ricca e significativa.”

Franz Kafka, uno dei più grandi romanzieri mai nati, disse una volta: “Ho bisogno di solitudine per la mia scrittura; non come un eremita – che non sarebbe sufficiente – ma come un uomo morto.” Pensate quanto gli potevano dare fastidio i rumori!

rumore

rumore

Foto tratta dalla rete
Fonte: Northwestern

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *