Gonartrosi

Gonartrosi: Occhio ai Segnali Precoci e ai Rimedi


Da qualche tempo vi siete accorti che vi fanno male le ginocchia, e per questo motivo, anziché fare le scale a piedi (come sarebbe importante fare) prendete l’ascensore?
Le ginocchia doloranti potrebbero essere un segno precoce di osteoartrite del ginocchio, o gonartrosi, come fanno notare i ricercatori dell’Università di Leeds, nel Regno Unito.

I partecipanti allo studio hanno risposto a dei questionari annuali in cui gli si chiedeva se sentivano dolore al ginocchio durante diverse attività quotidiane, e se sì, quanto fosse forte. La prima fonte di disagio alle ginocchia erano i percorsi “in arrampicata”, ad esempio delle salite più o meno ripide oppure le semplici scalinate.

Come ha evidenziato il Philip Conaghan, medico ortopedico, quando sentiamo dolore alle ginocchia facendo questo tipo di movimenti, questo potrebbe essere un segnale d’allarme che potremmo avere dei seri problemi alle ginocchia in seguito.

La gonartrosi si verifica quando l’articolazione del ginocchio, che è una struttura molto complessa, degenera. Di solito questo disturbo tende a colpire le persone con più di 40 anni di età, ma i sintomi possono iniziare molto prima, soprattutto se si pratica molto sport, se si ha subito qualche infortunio al ginocchio o si hanno problemi ai legamenti. Se questi pre-segnali di gonartrosi si verificano prima del tempo, è bene cominciare subito a prevenire l’insorgenza di questo disturbo, prima che comporti dolori molto più forti oppure danni strutturali, sul lungo periodo.

Cosa si può fare? Ad esempio, scegliere come attività fisica non la corsa o il jogging, ma il nuoto oppure delle efficaci ma rilassanti passeggiate in bicicletta.
Per diminuire la pressione sulle articolazioni, è importante anche essere normopeso, e quindi, se si hanno diversi chili di troppo, è saggio mettersi a dieta.

Ovviamente, se i sintomi persistono, è saggio consultare un fisioterapista.

Gonartrosi

Gonartrosi

Foto tratta dalla rete
Fonte: Prevention

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *