peperoncino

Gli Uomini Virili Preferiscono il Cibo Piccante: Lo Studio


Se è vero che il cibo piccante, quindi le spezie e il peperoncino, aiutano la libidine, è anche vero che gli uomini che amano mangiare “hot” sono quelli più virili e più passionali…

Questo è il sorprendente risultato della ricerca della Università di Grenoble, condotta dall’equipe di ricercatori di Laurent Begue e intitolato, con una certa ironia, “A qualcuno piace caldo”.

Lo studio è stato svolto su un gruppo di uomini di età compresa fra i 18 e i 44 anni che si sono sottoposti volontariamente al test. Il test in questione consisteva nel mangiare un piatto di purè, che veniva servito insieme a un vassoietto dove c’erano diversi condimenti, tra cui salsa al peperoncino oppure del semplice sale fino. Ebbene, analizzando i risultati del test del condimento del purè, è risultato che gli uomini che avevano optato per la versione “hot”, ossia con la salsa di peperoncino, erano proprio coloro che avevano un livello di testosterone più alto rispetto a coloro che invece avevano optato per il semplice sale.

Insomma, la “virilità” di un uomo potrebbe essere testata proprio presentandogli semplicemente un piatto e diversi condimenti: certo, scherziamo un po’, ma dallo studio sembrerebbe che ci sia un fondamento di vero in questo.
Il peperoncino, il curry, la paprika, la curcuma e le altre spezie che danno piccantezza ai piatti, oltre a favorire la libidine, sono anche dei bloccanti dei recettori del dolore, perché contengono un buon quantitativo di capsaicina, un principio attivo dalle mille proprietà.

Si è visto, con un esperimento condotto su delle cavie da laboratorio, che bloccando il recettore TRPV1 attraverso un procedimento di ingegneria genetica, la vita di questi topi si allungava all’incirca del 14% rispetto alle cavie a cui tale sensore del dolore non era stato sospeso.

Insomma, un altro motivo in più per scegliere il piccante!

Paprika e Peperoncino Bloccano il Dolore e Allungano la Vita

Foto tratta dalla rete

peperoncino

peperoncino

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *