pelle secca

Diabete: Le Regole per Trattare la Pelle Secca


Il diabete può colpire qualsiasi parte del corpo, inclusa l’epidermide. Uno dei problemi della pelle più frequenti, associati al diabete, è la pelle molto secca, in particolare quella delle gambe e dei piedi. Se la pelle è particolarmente secca, questo può causare dei tagli e consentire ai batteri di penetrare e di portare a delle infezioni che possono condurre a gravi problemi.

Come prendersi cura in modo giusto della pelle, quando si soffre di diabete?
In un articolo pubblicato sul sito del Dr. Oz, sono stati elencati i consigli per prendersi cura della pelle quando si è diabetici.

Il primo consiglio è quello di mantenere la pelle sempre pulita e asciutta. Per l’igiene, è meglio ricorrere a detergenti senza sapone, per lavare delicatamente l’epidermide senza privarla degli oli naturali.

È importante anche evitare bagni e docce molto caldi. Se l’epidermide è particolarmente secca, non usare bagnoschiuma e cercare di usare dei detergenti estremamente delicati.

Il terzo consiglio è quello, subito dopo il bagno o la doccia, di bloccare l’idratazione con una buona crema idratante per il corpo e per i piedi, per aiutare a mantenere la barriera protettiva naturale, con il giusto livello di idratazione.

Per prevenire che la cute secca si rompa in taglietti, causando il rischio di contrarre delle infezioni, è bene mantenere una idratazione corretta, ed esfoliarla con regolarità, per rimuovere le cellule morte e rigenerarla, facendola anche apparire più morbida e più levigata.

Se i taglietti ormai ci sono, bisogna lavarli con acqua e sapone delicato, quindi non ricorrendo all’uso di alcol per ripulirli, perché si rischia di seccare troppo lal cute. Inoltre è bene trattarli con una pomata, per accelerare la guarigione dei taglietti, e coprirli con una benda. È bene consultare il proprio dermatologo per qualsiasi eruzione cutanea o ferita che non guarisce in fretta.

Pelle: l’Eczema Può Rivelare in Anticipo Rischi al Cuore

pelle secca

pelle secca

Foto tratta dalla rete
Fonte: blog.doctoroz.com

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *