Depressione

Depressione: L’Abuso Sessuale da Bambini è la Prima Causa


La depressione, che è anche conosciuta come il male oscuro, è una delle malattie psicofisiche che hanno maggiore incidenza sulle persone e sulla loro intera vita.

Uno studio recente ha individuato qual è la causa che, più di ogni altra, può portare ad un grande rischio di cadere in depressione: gli abusi subiti in giovane età, e specialmente durante l’infanzia. Questo può portare, una volta diventati adulti, ad essere diagnosticati di depressione clinica. Tra le cause che possono favorire la comparsa di questo terribile e condizionante male oscuro, c’è senz’altro una predisposizione a livello genetico.

Un gruppo di ricercatori di ogni parte del mondo hanno studiato e confrontato i dati di pazienti provenienti da 41 cliniche, e ognuno di loro aveva un’età compresa tra i 18 e i 75 anni. Gli scienzati, tramite dei test genetici, hanno scoperto che questi pazienti riportavano una scarsa attività del gene correlato al fattore neurotrofico cerebrale, e avevano problemi anche a livello di trasmissione della serotonina, ossia quello che è comunemente conosciuto come l’ormone del buonumore. Queste mancanze a livello dei geni, se unite a un passato di abusi sessuali, potevano alzare in modo anche molto significativo il rischio di ammalarsi del male oscuro.

Blanca Gutiérrez del dipartimento di psichiatria all’Università di Granada, ricercatrice nel team che ha portato avanti questo studio comparato, ha detto al Journal of Psychiatry e Neuroscience:

È un risultato importante, che dimostra una tripla interazione genetico-ambientale, la cui rilevanza è ancora più importante se si tiene conto che la risposta agli antidepressivi sembra essere fondamentalmente mediata da proteine, codificate proprio dai due geni che abbiamo studiato.

Questa scoperta potrà, questa è la vera speranza, portare a dei metodi che possano prevenire la depressione in soggetti che hanno subito abusi sessuali in età infantile o adolescenziale.

Depressione

Depressione

Foto tratta dalla rete
Fonte: Yahoo Notizie

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *