donna che beve il caffè

Depressione Femminile: Rischio Diminuisce con 2 o 3 Tazzine di Caffè?


Da tempo si studiano i benefici del caffè: secondo le ultime ricerche, sembra che due o tre tazzine di caffè al giorno possano aiutare a diminuire il rischio di depressione, in particolare tra le donne.

Lo studio, portato a termine dalla Harvard University e pubblicato sull’Archives of Internal Medicine, è stato condotto su oltre 50.000 infermiere americane che avevano superato i 60 anni di età. È stato osservato che le donne che bevano fino a quattro tazzine di caffè al giorno avevano un rischio di cadere in depressione fino al 20% in meno rispetto a quelle che non bevevano caffè o ne bevevano di meno.

L’osservazione è durata diversi anni, partendo da donne che non presentavano i sintomi del male oscuro.

Secondo il rapporto Preventing Suicide: A Global Imperative (Prevenzione del suicidio: un imperativo globale) il più alto numero di suicidi nel mondo nel 2012 lo deteneva l’India. La depressione sembra colpire di più i paesi asiatici, ma anche i paesi occidentali purtroppo manifestano sempre di più questo problema. Sarebbe davvero una bella notizia se altri studi confermassero la correlazione tra il numero di tazzine di caffè bevute ogni giorno e i sintomi della depressione.

Tra l’altro non sono misteriosi i benefici del caffè su altri fronti, oltre a quello psicologico: uno studio finanziato dall’Istituto di Scienza e Tecnologia in Corea, ha dimostrato che l’acido clorogenico, un composto contenuto nel caffè, può contrastare la degenerazione maculare nella retina, salvando quindi la vista. Il contenuto di polifenoli, inoltre, avrebbe una funzione blandamente inibitoria per le malattie cardiovascolari e, pare, per il cancro al fegato.

Il caffè può aiutare a ripulire le arterie e quindi ad avere meno possibilità di avere malattie cardiache. Per saperne di più leggi: Caffè: 3 – 5 Tazzine al Giorno Riducono Rischio Infarto.

donna che beve il caffè

donna che beve il caffè

Foto tratta dalla rete
Fonte:

Condividi su Google Plus

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *