Asciugamani

Asciugamani di Casa: Ricettacolo di Escherichia Coli


Gli asciugamani e gli strofinacci sono gli oggetti più sporchi che abbiamo in casa, e la scoperta è stata confermata da uno studio.

La ricerca, condotta dai membri della University of Arizona, ha dimostrato che gli asciugamani in bagno e gli strofinacci in cucina sono un mostruoso ricettacolo di germi e batteri, decisamente di più di quanto non lo sia quello che viene considerato l’oggetto più sporco della casa: il water. Ma l’asse del water è niente in confronto a quello che si annida sugli asciugamani, perché tutta l’umidità che raccolgono (sono sempre bagnati) non fa che consentire a germi e batteri di proliferare e sopravvivere per molto tempo.

L’equipe di ricercatori americani ha scoperto che gli asciugamani di bagno e cucina sono pieni di batteri coliformi, quelli che normalmente si trovano sugli escrementi. Questo tipo di batteri, anche conosciuti come escherichia coli, possono essere responsabili di diarrea, ma pure di infezioni e malattie.

Purtroppo lavarli in lavatrice non è sufficiente ad uccidere la totalità di germi e batteri, anche perché spesso – per non rovinare i capi oppure per risparmiare energia e tempo – si usano dei cicli a bassa temperatura. Gli asciugamani andrebbero lavati almeno a 40-50 gradi, ma soprattutto bisognerebbe lasciarli in ammollo nella candeggina per due minuti prima del lavaggio. In alternativa, esistono in commercio degli additivi per il bucato che sono stati pensati apposta per consentire di fare dei lavaggi sicuri e germicidi anche a basse temperature.

Ovviamente la regola migliore sarebbe quella di cambiare l’asciugamano tutti i giorni, sia quello delle mani che quello per il bidet. Anche in cucina gli strofinacci (così come le spugne, da cambiare con frequenza ragionevole) andrebbero igienizzati spesso, per evitare contaminazioni, visto che quando si prepara del cibo è ancora più importante la sicurezza e l’igiene.

Foto tratta dalla rete

Asciugamani

Asciugamani

Condividi su Google Plus

1 Commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *