Sale

Sclerosi Multipla: Eccesso di Sale Può Favorirla o Peggiorare Sintomi


La sclerosi multipla può essere peggiorata, nei suoi sintomi, da una dieta troppo ricca di sale.

La sclerosi multipla, la malattia autoimmune cronica demielinizzante che colpisce il sistema nervoso centrale e che ogni anno miete sempre più vittime, è una malattia che dipende al 30% dai geni, e dal 70% da fattori ambientali, quindi esterni alla persona.

Tra i fattori che possono incidere negativamente sulla sclerosi multipla, così come evidenziato al congresso congiunto Actrims-Ectrims tenutosi a Boston (USA) nei giorni scorsi, c’è appunto anche il sale.

Demonizzato, o quasi, da molti studi (se si escludono gli effetti benefici dello iodio sulla tiroide), il sale sarebbe responsabile di una produzione eccessiva di linfociti T helper 17 (Th17), produttori di interleuchina 17. Si tratta di una proteina, secreta da cellule del sistema immunitario, altamente infiammatoria nonché coinvolta nel processo degenerativo della sclerosi multipla. Un regime alimentare troppo ricco di sale può quindi favorire la comparsa di questa patologia, e peggiorare in modo netto i suoi sintomi.
In uno studio comparso sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry, è stato dimostrato come pazienti già affetti dalla sclerosi multipla, possano vedere peggiorati in modo significativo i loro sintomi se consumano una quantità maggiore di 5 grammi di sodio al giorno.

Anche il fumo di sigaretta è tra i fattori ambientali che mettono più a rischio di contrarre la malattia, anche se il rischio diventa molto maggiore se il paziente è già predisposto (solo che è difficile sapere se si è predisposti o meno). Il rischio, per loro, sale a ben 5 volte in più di una persona non predisposta alla sclerosi multipla ma fumatrice.

Tornando alla pericolosità del sale, va da sé che i medici sconsiglino una quantità di sale superiore ai 5 grammi al giorno, non solo per (cercare di) prevenire la sclerosi, ma tutta una serie di patologie, tra cui l’ipertensione. Qui ci sono alcuni suggerimenti per ridurre il sale nella dieta.

Foto tratta dalla rete

Sale

Sale

Condividi su Google Plus

1 Commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *